fbpx

Emergenza Coronavirus, Confcommercio Ascom Bologna scrive ai Sindaci della Città metropolitana

Chiediamo misure di sostegno: «Consumi in frenata, servono aiuti per tutelare imprese e posti di lavoro»

Gli effetti della quarta ondata cominciano a pesare su ripresa e aziende, soprattutto del Terziario. Se nel 2021, infatti, pur in un contesto di calo generalizzato dei consumi (con punte del -34,8% nel turismo e del 27,3 nella ristorazione rispetto al 2019, dati Confcommercio) era stato possibile registrare i primi segnali di ripartenza, oggi, con l’impennata dei contagi, sussiste il rischio che la ripresa subisca una brusca frenata.

È del tutto evidente che in un frangente simile, e dopo un biennio così difficile, è necessario continuare ad affiancare e sostenere quel sistema di imprese di prossimità che, tradizionalmente, presidia e anima il territorio della Città metropolitana: un’economia urbana integrata nelle comunità e garante, dai centri città alle frazioni più remote, di servizi fondamentali, coesione sociale, sviluppo sostenibile e qualità della vita.

Un’economia urbana di cui clienti e consumatori, è bene ricordarlo, hanno riscoperto la funzione essenziale proprio nella fase più acuta della pandemia, ovvero quella segnata dal lockdown, dalla zona rossa e dal blocco quasi totale delle attività economiche e sociali.

Per queste ragioni, la nostra Associazione ha inviato a tutti i Sindaci dei Comuni della Città metropolitana una lettera a firma dei Vice Presidenti Medardo Montaguti e Lina Galati Rando per sollecitare l’adozione di misure urgenti a sostegno dell’economia locale e l’avvio, in ogni territorio, di un tavolo di lavoro tra Amministrazioni, associazioni di categoria e imprese.

Sulla scorta di quanto avvenuto nel biennio 2020-2021, è infatti fondamentale prorogare al più presto gli interventi messi in campo sul versante della fiscalità locale, dell’erogazione di contributi diretti per comprimere l’impatto dei costi aziendali fissi e delle azioni per incentivare gli acquisti nelle attività economiche di prossimità.

L’obiettivo resta lo stesso da inizio pandemia: fronteggiare l’emergenza con azioni d’emergenza, in grado cioè di rispondere tempestivamente alle esigenze dei settori maggiormente esposti alle conseguenze del Coronavirus. Soltanto con questa logica è possibile tutelare al meglio aziende, lavoratori e comunità locali.

«Tra recrudescenza dei contagi, nuove limitazioni all’orizzonte, caro energia e materie prime le nostre imprese continuano ad essere sotto pressione – sottolinea Lina Galati Rando, Vice Presidente Confcommercio Ascom Bologna -. Non possiamo permetterci di navigare a vista, serve una risposta immediata da parte delle Istituzioni per non disperdere la ripresa degli ultimi mesi e affiancare tutti quei settori che ancora non hanno agganciato la ripartenza».

«Siamo consapevoli delle difficoltà finanziarie di tanti Comuni della nostra provincia, soprattutto di quelli più piccoli – aggiunge Medardo Montaguti, Vice Presidente Confcommercio Ascom Bologna – ma confidiamo che presto il Governo intervenga con risorse a copertura delle mancate entrate: dobbiamo farci trovare pronti e per questo i nostri rappresentanti locali sono a disposizione delle Amministrazioni per programmare un quadro di aiuti efficace e condiviso».     

«Stiamo affrontando un lockdown strisciante – conclude Giancarlo Tonelli, Direttore Generale Confcommercio Ascom Bologna – con l’aspettativa di una ripresa solo da marzo: il problema è che già oggi le nostre imprese sono in sofferenza e abbiamo 10mila posti di lavoro a rischio. Occorre una reazione a tutti i livelli istituzionali, dal Governo alla Regione, fino agli enti locali: prolungamento retroattivo della Cassa integrazione Covid, ristori per le perdite di fatturato e taglio della fiscalità locale sono misure essenziali, ma servono risorse aggiuntive a livello nazionale. Ecco perché abbiamo già suggerito al Governo di valutare uno scostamento di bilancio per i primi mesi del 2022 e di reinvestire gli extra gettiti delle società energetiche in sgravi alle imprese». 

Ufficio stampa Confcommercio Ascom Bologna, 18 gennaio 2022

Trovi l'allegato nella sezione Download

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Articoli correlati

Fatturazione
Elettronica

Fatturazione Elettronica

La soluzione più completa
per gestire la tua contabilità.

E-mail
Dipendenti

E-mail
Dipendenti

Gestisci la posta
con la webmail di Ascom.

PEC
Clienti

PEC
Clienti

La Posta Certificata
per i Clienti Ascom.

Portale Azienda

I nostri servizi tradizionali diventano proposte differenziate
per soddisfare tutte le esigenze degli associati

Azienda

dipendenti

Non hai un account? Scopri di più