fbpx

«Green pass? Sì solo se per tutte le categorie e per i luoghi a rischio assembramento»

Vincenzo Vottero, presidente Fipe-Ristoranti e Trattorie di Confcommercio Ascom Bologna: «Il certificato verde valga anche per mezzi pubblici, scuola e altre attività. Basta con la favola che ci si contagia mangiando al ristorante o prendendo un caffè al bar»

I pubblici esercizi della Fipe-Confcommercio Ascom Bologna tracciano una linea sull’utilizzo del Green pass. Sì al certificato verde, ma soltanto se il suo utilizzo varrà per accedere anche ai mezzi pubblici, a scuola e in tutti quei luoghi a rischio assembramento.

«Noi titolari dei pubblici esercizi siamo pronti per fare la nostra parte, ma è fondamentale che il Green pass venga utilizzato per entrare in quei luoghi, come scuole e mezzi pubblici, dove i contagi si sono moltiplicati lo scorso inverno – commenta Vincenzo Vottero, presidente della Fipe-Ristoranti e trattorie di Confcommercio Ascom Bologna –. Non si può continuare a raccontare la favola secondo cui ci si contagia mangiando al ristorante o prendendo un caffè al bar. Il passato ci ha insegnato che i luoghi di contagio sono altri e vanno controllati quelli, come appunto le scuole e i bus».

Un sì al green pass che rappresenta l’ennesimo gesto di responsabilità da parte degli imprenditori dei pubblici esercizi. Responsabilità che non è mai venuta meno in un anno e mezzo di pandemia. «Ci stiamo adeguando, con pazienza e coscienziosità, a tutte le regole che ci vengono imposte, ma le istituzioni sembrano non capirlo – continua Vottero –. Se si decide di imporre il Green pass per entrare al bar o al ristorante bisogna anche dare l’opportunità di vaccinarsi il prima possibile a chi lo richiede, altrimenti ci troviamo di fronte a una decisione lesiva della libertà personale. Inoltre, si rischia di dimezzare la clientela dei pubblici esercizi».

Vottero, allora, traccia la strada da perseguire: «Da mesi stiamo dicendo che bisogna accelerare con i vaccini e predisporre un piano vaccinale serio che ci metta al sicuro dalle varianti e dalla risalita dei contagi – conclude il presidente della Fipe-Ristoranti e trattorie –. La campagna vaccinale, quindi, va sostenuta e incoraggiata. Questa è la nostra migliore arma per un ritorno alla stabilità delle nostre vite. Sarebbe sbagliato far ricadere, ancora una volta, la responsabilità sulle spalle dei pubblici esercizi».

Bologna, 19 luglio 2021

Trovi l'allegato nella sezione Download

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Articoli correlati

colore arancione
A 360 anni dal disciplinare del Cardinal Farnese il 23 e il 24 ottobre a Bologna La Mutua Salsamentari sarà in Via Rizzoli con un’iniziativa di valorizzazione e degustazione dell’amatissimo prodotto

Fatturazione
Elettronica

Fatturazione Elettronica

La soluzione più completa
per gestire la tua contabilità.

E-mail
Dipendenti

E-mail
Dipendenti

Gestisci la posta
con la webmail di Ascom.

PEC
Clienti

PEC
Clienti

La Posta Certificata
per i Clienti Ascom.

Portale Azienda

I nostri servizi tradizionali diventano proposte differenziate
per soddisfare tutte le esigenze degli associati

Azienda

dipendenti

Non hai un account? Scopri di più