fbpx

Medardo Montaguti, vicepresidente Confcommercio Ascom Bologna, sulla mancata riapertura degli impianti sciistici

“Stagione compromessa, servono risarcimenti immediati”

Lo slittamento a metà febbraio della riapertura degli impianti sciistici apre per il Comprensorio del Corno alle Scale, e quindi per l’intera montagna bolognese, uno scenario drammatico. Inutile sottolineare che il mancato via libera equivale a compromettere l’intera stagione invernale, allungando a un anno il periodo di stop imposto al comparto neve, fermo, è giusto ricordarlo, dal marzo 2020.

Come avevamo già sottolineato nel dicembre scorso, colpire il prodotto turistico “neve” significa mettere in ginocchio l’intero sistema Appennino: il danno economico procurato a gestori e operatori del bianco, infatti, si estende inevitabilmente a quell’importantissimo indotto che opera nell’ospitalità, nella ristorazione, nel commercio e nei servizi. Come Confcommercio Ascom Bologna eravamo e siamo tuttora convinti che sia possibile riaprire in piena sicurezza, conciliando lotta al virus e salvaguardia del sistema economico.

Un ragionamento che vale soprattutto per la stazione del Corno alle Scale che peraltro, proprio nel 2020, ha trovato una nuova gestione e cominciato a intravedere una concreta prospettiva di rilancio. Nonostante la richiesta di imprese e operatori della montagna sia sempre stata semplicemente quella di poter tornare a lavorare, oggi ci troviamo di fronte all’ennesimo rinvio e quindi, di fatto, alla fine di una stagione mai cominciata. A questo punto, per scongiurare l’implosione di un intero settore e tutelare un’area già da tempo in sofferenza come il nostro Appennino, chiediamo risarcimenti immediati e soprattutto proporzionati alle perdite di fatturato.

Ci aspettiamo inoltre che la Regione Emilia Romagna si adoperi a livello nazionale affinché le risorse vengano stanziate ed erogate quanto prima. In assenza di misure di sostegno tempestive e adeguate, infatti, il peso delle chiusure si abbatterà su centinaia di cittadini, imprese e operatori dell’Appennino. Un territorio che, oggi più che mai, merita attenzione e, soprattutto, più rispetto.       

Nota stampa Confcommercio Ascom Bologna, 15 gennaio 2021

Trovi l'allegato nella sezione Download

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Articoli correlati

colore arancione
Il webinar organizzato dalle Associazioni ABICONF, APPC e FIMAA facenti riferimento al gruppo ASCOM CASA – Confcommercio Bologna

Fatturazione
Elettronica

Fatturazione Elettronica

La soluzione più completa
per gestire la tua contabilità.

E-mail
Dipendenti

E-mail
Dipendenti

Gestisci la posta
con la webmail di Ascom.

PEC
Clienti

PEC
Clienti

La Posta Certificata
per i Clienti Ascom.

Portale Azienda

I nostri servizi tradizionali diventano proposte differenziate
per soddisfare tutte le esigenze degli associati

Azienda

dipendenti

Non hai un account? Scopri di più