fbpx

Stretta sull’asporto, monta la rabbia dei baristi

Le Associazioni di categoria. Tonelli: «Violare la legge è sbagliato»

Conti che non tornano. Perdite ingenti. Spese insostenibili. E aiuti che arrivano in ritardo. Sebbene ieri la nostra Regione abbia dato il via libera all’operazione ristori da oltre 23 milioni di euro, la situazione per bar e ristoranti è drammatica. E se l’Emilia-Romagna diventerà rossa sarà ancora peggio. Intanto sta arrivando l’ennesima stretta, al vaglio del governo, per i bar che vieterà l’asporto dopo le 18 in chiave anti-movida. In pratica: un altro brutto colpo per chi è già allo stremo causa pandemia. Le associazioni di categoria sono infuriate e c’è anche chi, tra ristoratori, baristi e osti, sta pensando di mettere in atto proteste. Alcuni, tentati dal movimento nazionale ‘Io apro’ che punta a tirar su le serrande e tenere aperti i locali venerdì, si sono presi qualche ora di riflessione. Da ieri mattina è tutto un tam tam di videoriunioni, chat, messaggini su Whatsapp.

Ma c’è tanta paura. E anche chi, la mattina, preparava la rivoluzione, mobilitando quasi tutti i locali di una via, la sera già aveva cambiato idea pensando agli strascichi legali, le multe e ulteriori spese. Morale: è probabile che qualche segnale di protesta ci sarà, magari alzando le serrande o accendendo la luce di qualche locale, ma per ora a parte l’Halloween Pub e il bar di via degli Ortolani D e Company rimasti aperti e sanzionati, ancora non c’è chi si fa avanti per il ‘muro contro muro’. Fino a venerdì c’è tempo, gli incontri proseguono. «Siamo in ginocchio, ma il rischio è trovarsi isolati», dice Antonio Schiattone, 56 anni, del ristorante ‘That’s Amore’ di via Altabella. Di certo c’è che le associazioni di categoria, purché contrarie a questo ennesimo giro di vite sull’asporto, non approvano. E, anzi, bocciano ‘senza se e senza ma’, l’idea di trasgredire le regole. Massimo Zucchini, presidente di Confesercenti Bologna e titolare del pub ‘Celtic Druid’ in via Caduti di Cefalonia, invita alla cautela. «La norma non è ancora nero su bianco, aspettiamo. Comunque se verrà confermata, come pare, mi pare una stupidaggine pazzesca. Ma tirar su la serranda, aprire, dire venite dentro, è un suicidio».

Sulla stessa linea Giancarlo Toneli, direttore di Ascom-Confcommercio Bologna: «Norma insensata. Quando i locali erano aperti non mi pare ci siano stati problemi di assembramenti. Di questo ulteriore provvedimento non ce n’era proprio bisogno. Non dimentichiamo che, al di là *** dei centri storici, in tutta l’area metropolitana, nei piccoli comuni, i pubblici esercizi hanno una funzione di servizio. Ma sebbene capisca l’arrabbiatura, non condivido assolutamente iniziative che arrivano a infrangere la regole. Anzi, aggiungo: state attenti, la situazione è molto delicata». II numero uno di Confesercenti conferma: «Non si può mandare la gente al massacro. La pandemia è terrificante, l’idea che qualcuno tenga aperto come se nulla fosse è pericolosa come immagine». Senza contare che a venir sanzionati, oltre al gestore, ci sarebbero pure i clienti. Di diverso avviso Giovanni Favia, l’ex grillino oggi ristoratore e animatore degli ‘Esercenti resistenti’: «L’idea non è fare business, ma dare un segnale di protesta. Perché non crediamo più nel governo, ci sentiamo discriminati».

Ascom e Confesercenti, però, tengono il punto: agire per avere più ristori e certi; più liquidità; fare in modo che il Comune dia tutte le agevolazioni del caso. Ben vengano, quindi, gli aiuti regionali e le misure – confermate anche dall’assessore al Commercio Alberto Aitini – su dehors e riduzione delle tasse. Intanto resta in campo l’altra iniziativa: il ricorso al Tar per discriminazione portata avanti dal comitato ‘Tutela ristoranti Bologna’. Tra i circa settanta ristoratori aderenti, si vocifera che ci siano quelli più oltranzisti che starebbero anche valutando di tenere aperto venerdì, ma solo a condizione che ci siano parecchie adesioni, e quelli, invece, più moderati, convinti che sarebbe controproducente.

Di certo c’è, come dice Tonelli, che «un conto è fare un ricorso al Tar, un altro violare la legge». In attesa di capire il prossimo colore della nostra Regione, resta una speranza: approdare prima o poi in zona bianca. «Psicologicamente credo sia importante. Dopo questi dieci mesi tremendi, almeno vedi un ‘fine pena’. Avere la spinta, un obiettivo, è fondamentale. Non dimenticherò mai gli anni della crisi 2008-2009, quando la gente si suicidava. Serve qualche messaggio positivo per sopravvivere», conclude Zucchini.

Rosalba Carbutti, Il Resto del Carlino 12 gennaio 2021
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Articoli correlati

Fatturazione
Elettronica

Fatturazione Elettronica

La soluzione più completa
per gestire la tua contabilità.

E-mail
Dipendenti

E-mail
Dipendenti

Gestisci la posta
con la webmail di Ascom.

PEC
Clienti

PEC
Clienti

La Posta Certificata
per i Clienti Ascom.

Portale Azienda

I nostri servizi tradizionali diventano proposte differenziate
per soddisfare tutte le esigenze degli associati

Azienda

dipendenti

Non hai un account? Scopri di più