fbpx

Rimborso dell’addizionale provinciale alle accise sull’energia elettrica

Con due recenti sentenze, la Corte di Cassazione (sentenza n. 27099/2019 e 27101/2019) ha affermato che le somme pagate a titolo di addizionale provinciale alle accise sull’energia elettrica applicate sino al 31/12/2011, possono essere richieste in rimborso direttamente al fornitore del servizio agendo in sede civile a titolo di indebito soggetto, con l’ordinaria prescrizione decennale.

Vi invitiamo a prestare attenzione in quanto il termine di prescrizione sta decorrendo essendo ormai rimborsabili soltanto le somme versate da giugno 2010 a dicembre 2011.

Quanto può essere rimborsato?

A seconda della provincia, l’importo variava fra i 9,3 €/MWh e gli 11,4 €/ MWh su un consumo massimo di 200.000 kWh/m (Art. 6, comma 1 lettera C, DL 511/1988).
Ciò significa che è possibile ottenere un rimborso in una misura massima oscillante tra € 44.640,00 e € 54.720,00.
L’importo dell’addizionale è facilmente verificabile sulle Vs. bollette in quanto le somme a titolo di addizionale risultano esposte in fattura.

Cosa devo fare?

Qualora vogliate verificare l’opportunità e la convenienza di tale azione dovrete:

  1. Verificare di essere in possesso delle fatture di pagamento della fornitura per il periodo in questione (2010-2011);
  2. Calcolare l’ammontare complessivo delle addizioniali pagate nel biennio di riferimento.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Articoli correlati

Fatturazione
Elettronica

Fatturazione Elettronica

La soluzione più completa
per gestire la tua contabilità.

E-mail
Dipendenti

E-mail
Dipendenti

Gestisci la posta
con la webmail di Ascom.

PEC
Clienti

PEC
Clienti

La Posta Certificata
per i Clienti Ascom.

Portale Azienda

I nostri servizi tradizionali diventano proposte differenziate
per soddisfare tutte le esigenze degli associati

Azienda

dipendenti

Non hai un account? Scopri di più