fbpx

Adeguamento privacy e nuovo decreto trasparenza

Il 13 agosto è entrato in vigore il cd. “Decreto trasparenza”, il cui obiettivo è garantire la conoscenza delle condizioni di lavoro a tutti i lavoratori. Nuovi obblighi privacy e sanzioni, in caso di inadempimento, fino a 1500 euro a lavoratore

Il Decreto Legislativo 27 giugno 2022, n. 104, meglio noto come “Decreto Trasparenza”, è l’attuazione Direttiva (UE) 2019/1152; il quale introduce una serie di onerosi obblighi informativi di cui si deve far carico il datore di lavoro.

Le disposizioni del Decreto Trasparenza hanno anche implicazioni rilevanti in materia di privacy. Infatti, il nuovo articolo 1-bis del Decreto Legislativo n. 152/1997, obbliga il datore di lavoro a “informare il lavoratore dell’utilizzo di sistemi decisionali o di monitoraggio automatizzati deputati a fornire indicazioni rilevanti ai fini della assunzione o del conferimento dell’incarico, della gestione o della cessazione del rapporto di lavoro, dell’assegnazione di compiti o mansioni nonche’ indicazioni incidenti sulla sorveglianza, la valutazione, le prestazioni e l’adempimento delle obbligazioni contrattuali dei lavoratori”.

Si fa quindi riferimento all’utilizzo di questi strumenti dalla fase di recruiting, fino alla gestione del rapporto di lavoro e alla sua cessazione.

Lo scopo di tale previsione sembrerebbe, dunque, quello di evitare “asimmetrie informative”, laddove committenti o datori di lavoro trattino i dati personali dei dipendenti mediante processi automatizzati al fine di esercitare attività di coordinamento e gestione del rapporto di lavoro.

I datori di lavoro, in qualità di titolari del trattamento, sono obbligati a rivedere le informative nei confronti dei lavoratori, ad aggiornare il Registro del trattamento, condurre una Valutazione d’impatto.

Il Decreto Trasparenza è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 29 luglio 2022 ed è entrato in vigore il 13 agosto 2022, senza alcun periodo di tolleranza e transizione, il che vuol dire che le aziende dovrà essere già conformi ai suoi dettami. Infatti, con effetto da questa data, tutti i nuovi contratti di lavoro dovranno essere conformi ai requisiti del Decreto Trasparenza e, in relazione ai contratti esistenti, i dipendenti possono chiedere che il loro contratto sia aggiornato.

Il mancato rispetto delle sue disposizioni potrà costare molto caro: fino a 1.500,00 di sanzione per ogni lavoratore.

Per il servizio privacy organizzato da Ascom Confcommercio siete invitati a contattare l’Uffcio Ambiente al seguente numero 0516487659 o tramite mail a ambiente@ascom.bo.it

Articoli correlati

Fatturazione
Elettronica

Fatturazione Elettronica

La soluzione più completa
per gestire la tua contabilità.

E-mail
Dipendenti

E-mail
Dipendenti

Gestisci la posta
con la webmail di Ascom.

PEC
Clienti

PEC
Clienti

La Posta Certificata
per i Clienti Ascom.

Portale Azienda

I nostri servizi tradizionali diventano proposte differenziate
per soddisfare tutte le esigenze degli associati

Azienda

dipendenti

Non hai un account? Scopri di più