fbpx

Contributo a fondo perduto perequativo: istanze da trasmettere entro il 28 dicembre

È stato finalmente pubblicato il provvedimento dell’Agenzia delle entrate che definisce il contenuto informativo, modalità e termini di presentazione della domanda per il riconoscimento del contributo a fondo perduto “perequativo”.

Per la richiesta del contributo, i soggetti sono tenuti ad inviare l’istanza, esclusivamente mediante i canali telematici dell’Agenzia a partire dal 29 novembre e fino al 28 dicembre 2021 o tramite il servizio web disponibile nell’area riservata del portale “Fatture e Corrispettivi” del sito internet delle Entrate a partire dal 30 novembre e fino al 28 dicembre 2021.

Anche per il contributo “perequativo” il soggetto richiedente può scegliere, irrevocabilmente, se ottenere l’importo totale come accredito sul conto corrente bancario o postale a lui intestato oppure se optare per il credito d’imposta da utilizzare in compensazione tramite modello F24.

Il contributo perequativo spetta a tutti i soggetti:

  • con attività d’impresa/professionale (o che producono reddito agrario), con partita IVA attiva al 26/05/2021, residenti/stabiliti in Italia;
  • i cui ricavi/compensi 2019 non siano superiori a 10 milioni di euro;
  • a condizione che vi sia un peggioramento almeno pari al 30%. del risultato economico d’esercizio relativo al periodo d’imposta in corso al 31/12/2020 rispetto a quello del periodo in corso al 31/12/2019;
  • ai fini del riconoscimento del contributo, i soggetti interessati devono aver presentato entro il 30/09/2021 la dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2020 (Mod. Redditi 2021);
  • il contributo non spetta nel caso in cui la dichiarazione sia stata presentata successivamente al 30/09/2021, o laddove non risulti validamente presentata la dichiarazione del periodo in corso al 31/12/2019 (Mod. Redditi 2020).

Ai fini della determinazione del contributo, che può essere erogato fino ad un limite massimo di euro 150.000, il decreto prevede come base di calcolo:

il  “peggioramento economico” (cioè la differenza tra il risultato economico d’esercizio relativo al periodo d’imposta in corso al 31/12/2020 e quello relativo al periodo d’imposta in corso al 31/12/2019) diminuito dell’importo dei contributi a fondo perduto eventualmente già riconosciuti dall’Agenzia Entrate secondo le specifiche disposizioni citate (art. 25 del DL 34/2020; art. 59 e 60 del DL 104/2020, artt. 1, 1-bis e 1-ter del DL 137/2020; art. 2 del DL 172/2020; art. 1 del DL 41/2021; art. 1 commi 1-3 del DL 73/2021).

A tale ammontare si applicano quindi le seguenti percentuali con riferimento ai ricavi/compensi 2019:

RICAVI/COMPENSI 2019

  • Non superiori a €. 100.000 30%
  • Superiori a €. 100.000 e fino a €. 400.000 20%
  • Superiori a €. 400.000 e fino a €. 1.000.000 15%
  • Superiori a €. 1.000.000 e fino a €. 5.000.000 10%
  • Superiori a €. 5.000.000 5%

Non spetterà alcun contributo ove l’ammontare dei contributi già riconosciuti sia maggiore/uguale al peggioramento economico.

Esempio: l’imprenditore Mario rossi, in contabilità semplificata:

a) ha determinato i seguenti risultati:

  • Reddito 2019 (RG31, col. 1, Mod. Redditi PF 2020): €. 150.000 (ricavi 2019 pari a €. 350.000)
  • Reddito 2020 (RG31, col. 1, Mod. Redditi PF 2021): €. 100.000
  • Decremento reddituale: €. 50.000 (33,33%, superiore al minimo del 30%)

b) ha ricevuto contributi a fondo perduto dallo Stato (DL Rilancio, DL Ristori, ecc.) per €. 20.000.

  • Il contribuente calcola il contributo spettante:
  • decremento reddituale: €. 50.000
  • fondi perduti ricevuti: €. 20.000
  • Eccedenza €. 30.000
  • Percentuale applicabile: 20% (secondo la griglia dei ricavi)
  • Il contributo spetta per il 20% di 30.000 = €. 6.000

I nostri uffici sono a disposizione.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Articoli correlati

colore arancione
Fissato per il prossimo 28 febbraio il termine per il rinnovo dell’abbonamento annuale riguardante la musica d’ambiente. Riduzione tra il 15 e il 20% circa della tariffa di riferimento per i Soci
Confcommercio Ascom Bologna
Confcommercio Ascom Bologna ha organizzato un servizio per aiutarti a ottenere i bonus e gli incentivi fiscali legati ai lavori di ristrutturazione e riqualificazione del patrimonio immobiliare

Fatturazione
Elettronica

Fatturazione Elettronica

La soluzione più completa
per gestire la tua contabilità.

E-mail
Dipendenti

E-mail
Dipendenti

Gestisci la posta
con la webmail di Ascom.

PEC
Clienti

PEC
Clienti

La Posta Certificata
per i Clienti Ascom.

Portale Azienda

I nostri servizi tradizionali diventano proposte differenziate
per soddisfare tutte le esigenze degli associati

Azienda

dipendenti

Non hai un account? Scopri di più