fbpx

Alla scoperta della montagna in sella alla bici

Presentato ’Appennino Bike Tour’ il tracciato più lungo d’Italia che si sta animando di iniziative nei piccoli borghi e aree protette

Se scoprire l’Appennino un’avventura entusiasmante, farlo in sella alla bicicletta segnerà un’esperienza senza precedenti. Con le mani sul manubrio e lo sguardo rivolto alla natura, i ciclisti che hanno aderito alla campagna itinerante dell’Appennino Bike Tour – organizzata da Legambiente e ViviAppennino – sono pronti ad attraversare la ciclovia più lunga d’Italia, in cui le montagne tosco emiliane si mostrano protagoniste indiscusse: sono, infatti, ben 2600 i chilometri previsti dal percorso, che toccherà quattordici regioni (dalla Liguria alla Sicilia) e più di trecento comuni, di cui in 44 è prevista una tappa. In Emilia-Romagna, se ne contano cinque: Bardi, Corniglio, Ligonchio (Ventasso), Lama Mocogno e, non ultimo, Gaggio Montano, paese in cui i ciclisti sono arrivati lo scorso martedì.

Al termine di ogni sosta, è poi prevista l’inaugurazione di una stazione di ricarica e riparazione delle bici elettriche. Un progetto di grande portata, dunque, che si inserisce tra le iniziative più significative per il turismo sostenibile: nato a Bologna al G7 Ambiente nel 2017 (grazie all’impegno di cittadini e associazioni, finanziato dalle Istituzioni e sostenuto dalla storica azienda Gruppo Colussi con il brand Misura), ora l’Appennino Bike Tour alza l’asticella. Il tracciato della ciclovia, infatti, si sta animando di iniziative lungo tutto lo Stivale incrociando piccoli borghi, aree protette, territori resilienti e premiando anche i cosiddetti «ambasciatori dell’Appennino», ossia persone, amministratori, piccoli imprenditori, associazioni e realtà territoriali che si sono distinte per attività di presidio del territorio appenninico.

Tra questi, Simone Andrei (Presidente Consorzio Alte Valli), Angela Viola presidente Associazione KAMart, Graziano Poggioli, Chiara Battistini dell’Agriturismo Casa Vallona e Luca Tassi del Caseificio Fior di Latte. «Se già nel 2019 l’Appennino mostrava una crescita in doppia cifra, oggi, con una scelta dei turisti fortemente indirizzata verso luoghi aperti e sicuri, questo territorio sta mostrando la capacità di accogliere un grande numero di visitatori – spiega il presidente della regione, Stefano Bonaccini -. La montagna ha bisogno di essere scoperta e riscoperta, anche in sella alla bicicletta».

Un’idea strategica e capace di rivelarsi vincente, come sottolineato da Enrico Della Torre, direttore generale di Vivi Appennino e ideatore del progetto: «I ciclisti troveranno assistenza lungo tutto il tracciato e potranno godersi la scoperta di questi luoghi speciali. È un progetto che intendiamo continuare: per l’autunno 2021 il percorso definitivo e le grafiche turistiche del percorso saranno consegnati al Ministero che potrà quindi procedere alla messa in opera per l’estate 2022». 

di Giorgia De Cupertinis, il Resto del Carlino, 22 luglio 2021
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Articoli correlati

Fatturazione
Elettronica

Fatturazione Elettronica

La soluzione più completa
per gestire la tua contabilità.

E-mail
Dipendenti

E-mail
Dipendenti

Gestisci la posta
con la webmail di Ascom.

PEC
Clienti

PEC
Clienti

La Posta Certificata
per i Clienti Ascom.

Portale Azienda

I nostri servizi tradizionali diventano proposte differenziate
per soddisfare tutte le esigenze degli associati

Azienda

dipendenti

Non hai un account? Scopri di più