fbpx

Crediti d’imposta POS: novità

Dall’1/07/2020 spetta ad imprese e professionisti con ricavi/compensi nell’anno precedente non superiori a €. 400.000 un credito d’imposta pari al 30% delle commissioni addebitate per le transazioni effettuate da consumatori finali tramite carta di credito/prepagata/bancomat.

Il cosiddetto “Decreto Lavoro e imprese” dispone, nei confronti dei medesimi soggetti:

1) L’incremento del credito d’imposta al 100% della commissioni addebitate tra il 1/07/2021 ed il 30/06/2022 nel caso in cui il POS utilizzato per il pagamento sia “collegato” al Registratore telematico o siano adottati “strumenti di pagamento evoluto”

Per “strumenti evoluti” di pagamento elettronico si intendono quegli strumenti che consentono la contestuale memorizzazione e successiva trasmissione telematica dei corrispettivi.

Quindi per fruire del nuovo credito d’imposta l’esercente potrà optare:

  • per un “adeguamento” del vecchio POS o l’acquisto di un POS “ordinario” (collegandoli all’RT)
  • per l’acquisizione di un nuovo POS evoluto.

Il credito d’imposta è utilizzabile solo in compensazione nel mod. F24 (cod. trib.: “6916”) dal mese successivo a quello in cui la spesa è stata sostenuta tramite i servizi telematici dell’Agenzia (Entratel o Fisconline).

Il credito d’imposta va contabilizzato come contributo c/esercizio, in quanto a diretta riduzione dei costi d’esercizio non è imponibile ai fini dei redditi ed Irap e va indicato a quadro RU (nel Mod. Redditi riferito al periodo di spettanza e dei successivi utilizzi), con il codice H3.

2) L’introduzione di un nuovo credito d’imposta per l’acquisto/noleggio:

  • tra il 1/07/2021 ed il 30/06/2022, di POS “collegati” ai Registratori Telematici  
  • tra il 1/01/2022 ed il 31/12/2022, “strumenti di pagamento elettronico evoluto”

Nei costi sono comprese le spese per il collegamento tecnico tra gli strumenti e quelle di convenzionamento.

Il riconoscimento del credito d’imposta avviene in percentuali diverse correlate al volume dei compensi/ricavi dell’anno precedente con un limite massimo di:

  • € 160 per acquisto/noleggio di POS “collegati” ai Registratori Telematici  
  • € 320  per acquisto/noleggio “strumenti di pagamento elettronico evoluto”

ACQUISTI/NOLEGGI/UTILIZZI DI POS “ORDINARI” COLLEGATI AL RT IMPORTO MASSIMO €160

70% della spesa sostenutafino a €. 200.000
40% della spesa sostenuta            da €. 200.001 a €. 1.000.000
10% della spesa sostenutada €. 1.000.001 a €. 5.000.000
zerooltre €. 5.000.001

BONUS PER “POS EVOLUTI” IMPORTO MASSIMO € 320

100% della spesa sostenutafino a €. 200.000
70% della spesa sostenutada €. 200.001 a €. 1.000.000
40% della spesa sostenutada €. 1.000.001 a €. 5.000.000
zerooltre €. 5.000.001

Per la fruizione di questo credito d’imposta non rileva il volume dei ricavi realizzati nell’anno precedente e dovendo essere presente un Registratore Telematico, di fatto si rivolge alle sole imprese dotate di tale strumento.

Anche il nuovo credito d’imposta non è tassato ai fini dei redditi/Irap, mentre il suo utilizzo viene anticipato al momento di sostenimento della spesa (non dal mese successivo, come il bonus riferito alle commissioni).

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Articoli correlati

Fatturazione
Elettronica

Fatturazione Elettronica

La soluzione più completa
per gestire la tua contabilità.

E-mail
Dipendenti

E-mail
Dipendenti

Gestisci la posta
con la webmail di Ascom.

PEC
Clienti

PEC
Clienti

La Posta Certificata
per i Clienti Ascom.

Portale Azienda

I nostri servizi tradizionali diventano proposte differenziate
per soddisfare tutte le esigenze degli associati

Azienda

dipendenti

Non hai un account? Scopri di più