fbpx

Indennità per lavoratori intermittenti: domande entro il 31 maggio 2021

L’INPS fornisce chiarimenti sulla concessione dell’indennità omnicomprensiva di 2.400 euro, prevista dal Decreto Sostegni, a favore dei lavoratori intermittenti (contratto a chiamata), che, in conseguenza dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 hanno cessato, ridotto o sospeso la loro attività o il loro rapporto di lavoro.

In particolare, l’istituto precisa che la domanda per il riconoscimento dell’indennità va presentata entro il 31 maggio 2021.

Termine, quindi, posticipato rispetto a quello iniziale del 30 aprile previsto dal decreto Sostegni.

Si ricorda che, l’indennità, spetta ai lavoratori intermittenti che:

  • abbiano svolto la prestazione lavorativa, per almeno 30 giornate nel periodo compreso tra il 1°gennaio 2019 ed il 23 marzo 2021;
  • alla data di presentazione della domanda, non siano titolari di altro rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato (salva la titolarità di un rapporto di lavoro di tipo intermittente senza diritto all’indennità di disponibilità), né titolari di pensione.

INPS, Circolare 65 del 19.04.21

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Articoli correlati

Fatturazione
Elettronica

Fatturazione Elettronica

La soluzione più completa
per gestire la tua contabilità.

E-mail
Dipendenti

E-mail
Dipendenti

Gestisci la posta
con la webmail di Ascom.

PEC
Clienti

PEC
Clienti

La Posta Certificata
per i Clienti Ascom.

Portale Azienda

I nostri servizi tradizionali diventano proposte differenziate
per soddisfare tutte le esigenze degli associati

Azienda

dipendenti

Non hai un account? Scopri di più