fbpx

«Mesi terribili dopo la prima chiusura: fatto di tutto, poi di nuovo uno stop»

La seconda ondata: economia in affanno – Lo sport

Destini sospesi. Questo è quanto stanno vivendo i settori più colpiti dalle chiusure del secondo lockdown. Come le palestre, spiega Mara Bortolini, socia della Body Line.

Come avete accolto questo nuovo stop? «Non bene. Il settore era già stato penalizzato dalla prima lunghissima chiusura. Ci è voluta tutta l’estate prima di risollevarci poiché solo a settembre c’è stato il rinnovo degli abbonamenti. Sono stati mesi terribili e proprio ora che le cose tornavano alla normalità siamo punto e capo».

Si può parlare di beffa ripensando alla settimana di avvertimento che aveva preceduto la chiusura del 26 ottobre?

«Ci siamo sentiti presi in giro quando ci è stato intimato di adeguarci a nuovi protocolli per poi essere chiusi senza uno straccio di verifica a distanza di pochi giorni. E gli incassi erano già iniziati a calare da circa metà ottobre, poiché il senso di incertezza scoraggiava i clienti a sottoscrivere abbonamenti».

Il Governo tuttavia ha promesso pronti ristori.

«Ma quale ristoro potrà mai colmare un caldo di fatturato del 60%? Le entrate non ci sono, ma le uscite non si fermano: affitto, bollette, più tutte le spese extra per il materiale di sanificazione. Siamo attivi da oltre 40 anni e ora rischiamo di non esserci più».

F.Z., Il Resto del Carlino, Bologna 9 novembre 2020
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Articoli correlati

Fatturazione
Elettronica

Fatturazione Elettronica

La soluzione più completa
per gestire la tua contabilità.

E-mail
Dipendenti

E-mail
Dipendenti

Gestisci la posta
con la webmail di Ascom.

PEC
Clienti

PEC
Clienti

La Posta Certificata
per i Clienti Ascom.

Portale Azienda

I nostri servizi tradizionali diventano proposte differenziate
per soddisfare tutte le esigenze degli associati

Azienda

dipendenti

Non hai un account? Scopri di più