fbpx

Le aziende vanno salvate. Niente divisioni

Monito ai partiti di Raffaele Marmo

Il gas a prezzi esponenziali e crescenti rischia di essere, e in larga misura lo è già, il nuovo virus pandemico dell’autunno-inverno alle porte. E, oggi come negli anni più drammatici che abbiamo alle spalle, l’imperativo non può che essere, innanzitutto, salvare le imprese e il lavoro dal collasso. I partiti e i leader possono dividersi e polemizzare su mille argomenti, ma sullo spettro dei costi dell’energia che devasta intere filiere produttive, estendendosi a macchia d’olio ai servizi e ai consumi delle famiglie, ebbene, sulla nuova, drammatica, emergenza non sono accettabili diatribe da campagna elettorale. Come non è pensabile attendere il 25 settembre e il futuro governo per contrastare la terribile spirale speculativa. Le bollette decuplicate da migliaia di euro per i nuclei familiari e da milioni di euro per le attività produttive non aspettano l’esito del voto e il nuovo esecutivo: stanno arrivando comunque e «fanno male». E, allora, se l’interesse nazionale ha un senso e se quello di parte e di partito viene dopo, ci si dovrebbe attendere che tutti i leader sostengano il massimo sforzo che può fare Mario Draghi subito per mettere al riparo il patrimonio produttivo del Paese e gli stipendi e i risparmi delle famiglie dalla tempesta perfetta nella quale siano entrati. Diano, dunque, al premier in carica carta bianca per individuare e mettere in campo ad horas gli interventi più efficaci e utili per calmierare il prezzo del gas, sostenere i pagamenti delle bollette in corso, adottare le misure adeguate per lo stoccaggio delle riserve indispensabili fino a primavera inoltrata. Che si tratti del price cap o del taglio di quello dell’elettricità derivante dalle rinnovabili, dell’accelerazione sui rigassificatori (a cominciare da quello di Piombino) o del razionamento dei consumi elettrici, quello che conta oggi è fare in fretta. Imprenditori e cittadini non perdoneranno, nelle urne, i parolai dell’energia impossibile.

Qn – Il Resto del Carlino, 24 agosto 2022

Articoli correlati

Fatturazione Elettronica

Fatturazione Elettronica

La soluzione più completa per gestire la tua contabilità.

E-mail Dipendenti

E-mail Dipendenti

Gestisci la posta con la webmail di Ascom.

PEC Clienti

PEC Clienti

La Posta Certificata per i Clienti Ascom.