fbpx

Bando Camera di Commercio di Bologna – Voucher Digitali I4.0 – Anno 2022 (Bando scaduto)

Bando scaduto

La Camera di Commercio di Bologna, nell’ambito delle attività previste dal Piano Transizione 4.0, ha stanziato 600 mila euro a favore delle micro, piccole e medie imprese (MPMI) di tutti i settori economici, con sede legale e/o unità locali nell’area Metropolitana di Bologna, che hanno sostenuto e/o che intendono sostenere iniziative di digitalizzazione, anche finalizzate ad approcci green oriented del tessuto produttivo.

Il contributo a fondo perduto finanzia il 50% delle spese ammissibili. La dimensione minima del progetto d’investimento è pari a 5 mila euro e almeno il 30% dei costi previsti deve essere riferito a consulenza e/o formazione inerenti le tecnologie elencate nel bando. Contributo massimo ottenibile 10 mila euro, in regime de minimis.

Ambiti tecnologici

Gli ambiti tecnologici di innovazione digitale devono riguardare almeno una tecnologia dell’Elenco 1 con l’eventuale aggiunta di una o più tecnologie dell’Elenco 2, purché propedeutiche o complementari a quelle previste dall’Elenco 1:

  • Elenco 1: prevede l’utilizzo delle seguenti tecnologie, inclusa la pianificazione o la progettazione dei relativi interventi: robotica avanzata e collaborativa; interfaccia uomo-macchina; manifattura additiva e stampa 3D; prototipazione rapida; internet delle cose e delle macchine; cloud, High Performance Computing – HPC, fog e quantum computing; soluzioni di cyber security e business continuity (es. CEI – cyber exposure index, vulnerability assessment, penetration testing etc); big data e analytics; intelligenza artificiale; blockchain; soluzioni tecnologiche per la navigazione immersiva, interattiva e partecipativa (realtà aumentata, realtà virtuale e ricostruzioni 3D); simulazione e sistemi  cyberfisici; integrazione verticale e orizzontale; soluzioni tecnologiche digitali di filiera per l’ottimizzazione della supply chain; soluzioni tecnologiche per la gestione e il coordinamento dei processi aziendali con elevate caratteristiche di integrazione delle attività (ad es. ERP, MES, PLM, SCM, CRM, incluse le tecnologie di tracciamento, ad es. RFID, barcode, etc).
  • Elenco 2: sistemi di pagamento mobile e/o via Internet; sistemi fintech; sistemi EDI, electronic data interchange; geolocalizzazione; tecnologie per l’in-store customer experience;  system integration applicata all’automazione dei processi; tecnologie della Next Production Revolution (NPR); programmi di digital marketing; soluzioni tecnologiche per la transizione ecologica; connettività a Banda Ultralarga; sistemi per lo smart working e il telelavoro; sistemi di e-commerce; soluzioni tecnologiche digitali per l’automazione del sistema produttivo e di vendita.

Le spese

Le spese, al netto dell’Iva, possono essere sostenute a partire dal 1° gennaio 2022 fino al 31 maggio 2023. Di seguito gli interventi ammissibili:

a) servizi di consulenza e/o formazione relativi a una o più tecnologie tra quelle previste dal Bando e almeno il 30% del costo totale del progetto deve essere riferito a servizi di consulenza/formazione relativi alle tecnologie di cui all’Elenco 1;

b) acquisto, canoni e noleggi di beni strumentali materiali e immateriali e di servizi strumentali, inclusi dispositivi e spese di connessione, nel limite massimo del 70% dei costi ammissibili funzionali all’introduzione delle tecnologie abilitanti di cui all’Elenco 1 del presente bando ed eventualmente di una o più tecnologie dell’Elenco 2, purché propedeutiche o complementari a quelle previste al suddetto Elenco 1.

Si evidenzia che l’impresa richiedente il contributo per i servizi di consulenza e formazione dovrà avvalersi esclusivamente di uno o più fornitori tra i seguenti: Competence center di cui al Piano nazionale Impresa 4.0, Incubatori certificati e incubatori regionali accreditati; FabLab; centri di trasferimento tecnologico su tematiche Industria 4.0; Start-up innovative e PMI Innovative; Innovation Manager; ulteriori fornitori che abbiano realizzato nell’ultimo triennio almeno 3 attività per servizi di consulenza/formazione alle imprese nell’ambito delle tecnologie dell’Elenco 1.

Gli investimenti ammessi a contributo dovranno essere pagati mediante transazioni bancarie verificabili: ri.ba., bonifico, carta di credito, ecc.. Non sono ammissibili pagamenti con assegno bancario.

Domande di contributo

Le imprese richiedenti al momento della presentazione della domanda e fino alla concessione del contributo devono essere: attive, regolarmente iscritte a Registro Imprese, in regola con il pagamento del diritto camerale annuale, aver assolto gli obblighi contributivi e in regola con le norme sulla salute e sicurezza.

I beneficiari del contributo nel bando 2021 non posso accedere al bando del 2022.

Le domande di contributo, firmate digitalmente, dovranno essere inviate con modalità telematica attraverso la piattaforma camerale Webtelemaco, dalle ore 11,00 del 12/09/2022 alle ore 17,00 del 22/09/2022, salvo chiusura anticipata per esaurimento dei fondi (si terrà conto dell’ordine cronologico di ricezione delle domande).

Per informazioni contattare il nostro Ufficio Credito

Articoli correlati

Fatturazione
Elettronica

Fatturazione Elettronica

La soluzione più completa
per gestire la tua contabilità.

E-mail
Dipendenti

E-mail
Dipendenti

Gestisci la posta
con la webmail di Ascom.

PEC
Clienti

PEC
Clienti

La Posta Certificata
per i Clienti Ascom.

Portale Azienda

I nostri servizi tradizionali diventano proposte differenziate
per soddisfare tutte le esigenze degli associati

Azienda

dipendenti

Non hai un account? Scopri di più