fbpx

Ristoranti tre per uno. Nel pranzo extralarge i coperti si moltiplicano

Il coprifuoco obbliga i gestori a fare di necessità virtù per recuperare C’è chi fa anche tre turni a tavola: da mezzogiorno fino alle 4

Le tagliatelle al ragù delle cinque di pomeriggio e la pizza delle sei, la colazione all’inglese servita al pub insieme al boccale di birra, l’a­peritivo delle quattro. A una setti­mana dall’ingresso in zona gialla, il centro di Bologna ricorda sempre più quello di Amsterdam o di Creta: ai tavolini all’aperto si man­gia e si beve a tutte le ore, sembra di stare in aeroporto. Il pranzo si è dilatato su due turni, la cena per chi vuole è anticipata alle 18.30. Ma c’è anche chi la cucina, per non sbagliare, nel weekend non la chiude mai. Con pochi tavolini a disposizione e molti clienti da ser­vire, molti ristoratori hanno rivo­luzionato le loro abitudini, e quelle dei clienti di conseguenza. Zitto zitto, senza fare rumore, il coprifuoco ha cambiato gli orari della città.

Alla Buca Manzoni, dietro via In­dipendenza, Roberta Guzzinati ha detto ai ragazzi della cucina di tenersi pronti dalle 11,30, «anche se mangiare crescentine prima di mezzogiorno è difficile – sorride -. Però la cena la serviamo dalle 18 e facciamo orario continuato il saba­to e la domenica. Con cosi pochi ta­voli dobbiamo fare due turni per forza, o non riusciamo a sopravvi­vere. La nostra idea è quella di ser­vire i cibi della tradizione, ma gli orari e le modalità devono cambia­re. La clientela si è molto ringiova­nita e ci sta seguendo con grande flessibilità. Poi qualche turista c’è, e loro spesso chiedono di mangia­re a orari inconsueti». Anche da Adesso Pasta in via IV Novembre la cucina il sabato e la domenica tira dritto. «Ma ti viene il male il fe­gato – si lamenta il titolare France­sco Mafaro – perché abbiamo po­chi tavoli: ho passato tutto il fine settimana a mandar via gente».

Da Vito a San Luca, l’orario con­tinuato l’hanno imposto anni fa i turisti ed è rimasto dopo il Covid. «Ieri ho fatto due turni – dice Vito Dall’Oglio – il primo da mezzogior­no alle due, il secondo dalle due in avanti. Alle quattro di pomeriggio servivo tagliatelle e sono andato avanti fino a sera». Stesso discorso Fabio Rodda: Osteria dell’Orsa e JukeBox in via Mentana. «Lavoria­mo da mezzogiorno alle 22 e sta andando molto bene – dice – La sera. cambia poco, perché comun­que la gente a Bologna fatica ad anticipare la cena, ma quelli del pranzo alle 16 ci sono sempre: tra gli studenti, i lavoratori, chi ha fat­to tardi la sera prima. La scorsa settimana sembrava Capodan­no».

Al Pratello Fantoni ha ritoccato appena l’orologio: apre a mezzo­giorno e la sera si cena dalle 19,30. Pasquale Giorgiani, al Rovescio e da Baraldi, lì accanto, nel wee­kend allunga il pranzo fino alle 16 e anticipa la cena alle 19. «E i se­gnali sono positivi – sorride – qual­che turista è tornato: ieri ad esem­pio è venuta un’americana che sta scrivendo una guida per le vacan­ze dei vaccinati».

Poi ci sono i pub che si sono rein­ventati, come il Punto di Camilla Rodella, che si è lanciata nel pran­zo. «La prima settimana è stata una bomba – dice – ci siamo trovati costretti a lavorare su tre turni nel weekend: dalle 12 alle 16, dalle 16 alle 19,30 oppure dalle 19, 30 alle 22. Ai clienti lo diciamo all’atto del­la prenotazione, sono molto com­prensivi».

In zona universitaria, al Rosso di via Righi, il pranzo inizia a mezzogiorno e la cena dalle 18,30. Co­me alla pizzeria Michele di piazza San Martino, che però il sabato e la domenica fa oraio continuato. Da Guero, lì dietro, Daniele Rumore ha anticipato l’aperitivo alle 17,30. Mentre Polpette e Crescenti­ne, al mercato delle Erbe, sta speri­mentando la cena delle 18, stile nordico. Al Celtic, il presiedente di Confeserenti Max Zucchini si è adattato al rito del brunch, suo malgrado: serve colazioni con uo­va strapazzate, pancetta, piselli e funghi. «Per me però andare a casa alle 22 è contro natura – dice -. Mi si è accorciata la vita». Poi c’è chi la tradizione la interpreta in senso stretto, come il titolare del Diana Stefano Tedeschi. «La nostra – so­spira – è una ristorazione da orari canonici».

di Caterina Giusberti, La Repubblica, 4 maggio 2021
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Articoli correlati

Fatturazione
Elettronica

Fatturazione Elettronica

La soluzione più completa
per gestire la tua contabilità.

E-mail
Dipendenti

E-mail
Dipendenti

Gestisci la posta
con la webmail di Ascom.

PEC
Clienti

PEC
Clienti

La Posta Certificata
per i Clienti Ascom.

Portale Azienda

I nostri servizi tradizionali diventano proposte differenziate
per soddisfare tutte le esigenze degli associati

Azienda

dipendenti

Non hai un account? Scopri di più