fbpx

«Gli hotel costano tanto anche se sono chiusi»

Intervista a Bernabò Bocca, Presidente Federalberghi: settore penalizzato dai costi fissi. Servono prestiti a 15 anni e superbonus al 10%

Un albergo non è un negozio. Quando lo chiudi, se è una struttura di dimensioni medio grandi, ti costa comunque 40 mila euro tra manutenzione, vigilanza, tasse, utenze e compagnia bella». Bernabò Bocca, presidente di Federalberghi, di hotel ne ha una dozzina, dunque se la situazione non cambierà va incontro quest’anno a una perdita di circa 5 milioni di euro in totale, dopo aver già visto il proprio fatturato contrarsi dell’80% nel 2020 per effetto dei lockdown.

Record di stanze occupate nel 2020?

«Una quarantina, a Roma, nell’albergo di piazza Barberini, che però ne conta più di cento. Ho riaperto a settembre e ottobre per la Festa del Cinema: avevamo preso accordi prima della seconda ondata per ospitare gli addetti all’organizzazione del festival».

Ha anche un hotel a capri e a Firenze. Lì com’è andata?

«A Firenze abbiamo aperto quest’estate per dare un messaggio, ma sotto il profilo dei conti è stato un disastro. Nel momento di picco avevamo il 20% delle camere occupate. A Capri siamo rimasti chiusi ad aprile, maggio, in parte giugno e settembre, oltre a ottobre. Lì i ricavi sono calati di netto anche per l’assenza del turismo Usa. Sull’isola è quello che spinge i consumi».

Nel suo caso quanto valgono i ristori?

«C’è il limite dei 150 mila euro, ma non ad albergo, a ragione sociale. Quindi, nella migliore delle ipotesi, riceverò 150 mila euro per dodici strutture, poco più di diecimila euro a struttura. Ma sa quanto pago di elettricità solo a Roma? Circa 380 mila euro l’anno. Di questo passo i costi fissi faranno inabissare il settore».

Un albergo su due è in affitto, vero?

«Vero. C’è il credito d’imposta, ma spesso il proprietario non accetta di usufruirne in cambio di una riduzione dell’affitto. Così se lo devono scaricare dalle tasse i titolari delle strutture, che non lavorando però non hanno molto da scaricare. Chi ha i ricavi azzerati e deve fare i conti con l’affitto anche solo con il 40% dell’importo per effetto delle agevolazioni, oggi è sull’orlo del baratro».

Prenotazioni per il 2021?

«Quali prenotazioni?». .

Se la situazione non cambia quanti dipendenti salverà?

«Ne ho 400 e se la situazione rimarrà quella di oggi, direi una settantina. Forse cento».

Come se ne esce?

«Concedendo alle imprese prestiti di lungo termine, a 15 anni, per fare provvista di cassa per poter pagare gli stipendi e le altre spese. E soprattutto estendendo il superbonus al 110% agli alberghi per permetterci di realizzare nel tempo in cui rimaniamo fermi strutture adatte a rispondere alle esigenze della clientela che verrà».

Fra. Bis. Il Messaggero, 12 gennaio 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Articoli correlati

Fatturazione
Elettronica

Fatturazione Elettronica

La soluzione più completa
per gestire la tua contabilità.

E-mail
Dipendenti

E-mail
Dipendenti

Gestisci la posta
con la webmail di Ascom.

PEC
Clienti

PEC
Clienti

La Posta Certificata
per i Clienti Ascom.

Portale Azienda

I nostri servizi tradizionali diventano proposte differenziate
per soddisfare tutte le esigenze degli associati

Azienda

dipendenti

Non hai un account? Scopri di più