fbpx

San Giovanni in Persiceto «Bilancio, in arrivo tagli a Irpef e Tari»

Approvata la manovra. Il sindaco Pellegatti: «Il piano di riduzione delle aliquote reso possibile grazie a un pacchetto da 400mila euro»

Disco verde al bilancio 2021 del Comune di Persiceto. Fra i punti salienti c’è grande attenzione alle opere pubbliche e alla viabilità e al contenimento della spesa corrente. Eppoi sono stati previsti un piano di riduzione della tassazione locale, la riduzione del debito comunale, e facilitazioni per famiglie e attività imprenditoriali sul territorio. Il bilancio è stato approvato con 11 voti favorevoli (gruppo «Impegno Comune») e 4 contrari («Gruppo Democratico»); mentre erano assenti i gruppi «Civica Mazzoli» e «Lega». «Anche quest’anno – dice il sindaco Lorenzo Pellegatti – vengono mantenute importanti risorse volte alla valorizzazione e alla manutenzione di opere pubbliche oltre che alla messa in sicurezza delle strade, per un totale previsto di 8.111.887 euro di cui 2.020.243 finanziate da entrate di esercizi precedenti». E continua: «Siamo poi riusciti ad attuare, tra l’altro, un piano di riduzione fiscale per il 2021, con l’abbassamento medio del 10% dell’addizionale comunale Irpef, grazie a un fondo di 350.000 euro. Fra gli altri provvedimenti non dimentichiamo una cifra non inferiore a 70.000 euro per la riduzione fino al 25% della Tari per le utenze non domestiche e un altro intervento straordinario di circa 60.000 euro a sostegno delle scuole private, che si è andato a sommare all’anticipo dei contributi ordinari annuali». «Abbiamo sollevato – replica Sara Accorsi, capogruppo in consiglio comunale del Pd, partito di opposizione – le nostre perplessità sul fondo da 350.000 euro che andrà a ridurre addizionale Irpef favorendo soprattutto i redditi alti. Nella discussione sull’addizionale Irpef e sul bilancio abbiamo fatto proposte ma la giunta Pellegatti ci ha risposto che le nostre idee sono avventate e non rispondono a bisogni del territorio. Nel 2021 quindi i persicetani pagheranno mediamente 12 euro in meno di Irpef, meno di un caffè al mese. Siamo convinti che con i 350.000 euro investiti per questa manovra, si sarebbero potuti attivare progetti di microcredito o di incentivi al commercio locale». E l’esponente dei dem continua: «Vista la volontà della giunta di investire questo fondo sull’addizionale avevamo chiesto che almeno fosse diversificata per i redditi, magari alzando anche la no tax area sopra gli 11.000 euro attuali. Adesso invece saranno i più ricchi ad avere il risparmio maggiore in termini fiscali, veramente un paradosso di questi tempi».

Pier Luigi Trombetta, Il Resto del Carlino 12 gennaio 2021
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Articoli correlati

Fatturazione
Elettronica

Fatturazione Elettronica

La soluzione più completa
per gestire la tua contabilità.

E-mail
Dipendenti

E-mail
Dipendenti

Gestisci la posta
con la webmail di Ascom.

PEC
Clienti

PEC
Clienti

La Posta Certificata
per i Clienti Ascom.

Portale Azienda

I nostri servizi tradizionali diventano proposte differenziate
per soddisfare tutte le esigenze degli associati

Azienda

dipendenti

Non hai un account? Scopri di più