fbpx

I fratelli Zivieri: «Così tutti nel baratro»

Gli imprenditori hanno perso madre e padre per il Covid: «Divieti fatti per mascherare l’incompetenza»

Abbiamo sentito dire che un’eventuale chiusura sarebbe stata una forma di rispetto verso chi è morto o ha avuto lutti. Chi ha detto queste parole è un criminale, come criminale è chi, per punire giustamente qualcuno, sta colpendo ingiustamente tutti». Nel periodo più nero della pandemia hanno perso la mamma e il papà a causa del coronavirus.

Hanno vissuto il loro dolore in silenzio. Ma ieri i quattro fratelli Zivieri, che hanno continuato a portare avanti l’attività dei genitori Adua e Graziano e del fratello Massimo, scomparso nel 2009, hanno deciso di dire la loro con una lunga lettera per clienti, amici, collaboratori della celebre macelleria di Monzuno che serve molti ristoranti a Bologna e non solo.

«In tutti questi mesi — hanno scritto Fabrizio, Elena, Aldo e Stefano — abbiamo investito insicurezza degli ambienti, ridotto le potenzialità di business per ridurre i rischi, fatto test sierologici ai dipendenti, onorato i nostri genitori investendo ancora di più nell’azienda». Ma c’è chi «aveva il potere di fare qualcosa» in questi 8 mesi e non l’ha fatto, accusano gli Zivieri. «La folle chiusura porta di nuovo tutta la comunità verso un baratro e lo fa non per proteggere i cittadini, ma per mascherare incompetenza».

Daniela Corneo, Corriere di Bologna, 27 ottobre 2020

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Articoli correlati

Fatturazione
Elettronica

Fatturazione Elettronica

La soluzione più completa
per gestire la tua contabilità.

E-mail
Dipendenti

E-mail
Dipendenti

Gestisci la posta
con la webmail di Ascom.

PEC
Clienti

PEC
Clienti

La Posta Certificata
per i Clienti Ascom.

Portale Azienda

I nostri servizi tradizionali diventano proposte differenziate
per soddisfare tutte le esigenze degli associati

Azienda

dipendenti

Non hai un account? Scopri di più