fbpx

Furto alla farmacia Busacchi: «È il decimo»

Bottino da 700 euro, indaga la polizia. Il dottor Enrico Cevolani: «Tanti danni e nessun aiuto. Ci sentiamo abbandonati»

E siamo a dieci. La farmacia Busacchi ha raggiunto l’altra notte un nuovo record personale: l’attività di via Emilia Ponente, a pochi passi dall’ospedale Maggiore, è stata ancora vittima dei ladri.

«L’allarme è scattato all’1,50 – racconta il farmacista Enrico Cevolani –. Non ci potevamo credere». Perché, come spiega il giovane titolare, «la farmacia di famiglia, negli ultimi 12-13 anni, ha subìto almeno dieci colpi, tra furti e rapine. Io mi sono laureato nel 2015: soltanto in questi cinque anni abbiamo registrato tre rapine e un furto, quello di stanotte (ieri, ndr)». Il ladro, a volto scoperto e senza guanti, dopo aver tirato su la saracinesca e averla bloccata con un sasso, ha sfondato la vetrina ed è entrato all’interno della Busacchi.

«Ha fatto un disastro: c’era un tappeto di vetri quando siamo arrivati. E non solo: ha buttato giù un mobile, ha danneggiato una macchina per misurare la pressione e poi si è diretto a colpo sicuro alla cassa, portandola via con i 700 euro che conteneva». Oltre al danno economico, poi, la beffa: «Questo weekend eravamo di turno, quindi abbiamo passato tutta la notte a sistemare, per riuscire ad aprire puntuali. Non potevamo far mancare ai cittadini il nostro servizio», dice ancora il farmacista. Rammaricato e stanco di una situazione che, da anni, si ripete in ‘fotocopia’: «La polizia è arrivata immediatamente, sette volanti si sono precipitate quando è scattato l’allarme, hanno fatto il massimo. Ma il ladro era già scappato via – continua Cevolani –. Poi è arrivata la Scientifica, che ha repertato sangue e impronte, oltre ad acquisire i video della sorveglianza, che ha ripreso tutto».

Una circostanza che potrebbe aiutare a individuare il ladro, ma per Cevolani è una magra consolazione: «Anche in questo periodo difficile ci siamo stati sempre, abbiamo lavorato senza sosta. Abbiamo ovviamente avuto perdite, ma non ci lamentiamo. Il problema è far fronte a queste vicende, che non solo ci spaventano e mettono sotto stress, ma richiedono anche un dispendio economico notevole, tra danni da sistemare e premi dell’assicurazione che si alzano. Non chiediamo molto: solo che l’Amministrazione si preoccupi un po’ per noi, provveda in qualche modo, magari con l’installazione di videocamere pubbliche, a rendere meno facile la vita ai delinquenti». «Vicinanza alla famiglia Cevolani e alle altre farmacie del territorio che vengono utilizzate come bancomat dai malviventi – commenta il deputato di Fratelli d’Italia Galeazzo Bignami –. Purtroppo, la risposta che in questa città si dà loro è sempre successiva, mai preventiva. Parlo della necessità di aumentare controlli e presidio del territorio, soprattutto in zone sensibili, come è l’area intorno al Maggiore».

Nicoletta Tempera, Il Resto del Carlino, 20 luglio 2020

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Articoli correlati

Fatturazione
Elettronica

Fatturazione Elettronica

La soluzione più completa
per gestire la tua contabilità.

E-mail
Dipendenti

E-mail
Dipendenti

Gestisci la posta
con la webmail di Ascom.

PEC
Clienti

PEC
Clienti

La Posta Certificata
per i Clienti Ascom.

Portale Azienda

I nostri servizi tradizionali diventano proposte differenziate
per soddisfare tutte le esigenze degli associati

Azienda

dipendenti

Non hai un account? Scopri di più